Cerca nel blog

domenica 21 gennaio 2018

Omega - Eve

#PER CHI AMA: Black Siderale, Darkspace
Ci hanno impegato quasi cinque anni gli Omega a far uscire la loro prima fatica, tuttavia mi domando che bisogno ci fosse che tre dei quattro membri dei Deadly Carnage rilasciassero questo lavoro sotto mentite spoglie? Non poteva essere un nuovo lavoro dei Deadly Carnage stessi o forse gli Omega nascono in realtà come un progetto di Mike Crinella degli Ashes of Chaos? Mah, troppo mistero avvolge questa band e il concept del disco che trae ispirazione dal codice illustrato Voynich, scritto con un sistema alfabetico/linguistico ad oggi non ancora decifrato e le cui immagini incluse (piante per lo più) non sono ascrivibili ad alcun vegetale attualmente noto. Creato questo alone di mistero e suggestione (anche a livello grafico sia nella cover che nel booklet interno), ci mettiamo all'ascolto delle quattro infinite tracce che compongono 'Eve'. Da "Arboreis" a "Laudanum", il black proposto dagli Omega si pone con un sound estremo, dilatato e siderale, che nella sua progressione, avrà modo di lasciarsi contaminare anche da doom, ambient e death metal. Se devo dare qualche punto di riferimento da accostare ai nostri, direi in prima battuta gli svizzeri Darkspace, soprattutto per l'utilizzo di quelle atmosfere rarefatte e le screaming vocals effettate in background. Tuttavia il riffing, talvolta troppo ridondante, è palesemente di matrice death e questo potrebbe fuorviare l'idea che vi state facendo del disco. "Sidera" soffia come il vento glaciale dell'Artico, anzi la vedrei bene come colonna sonora per la serie TV 'Fortitude', ambientata nelle fredde e oscure terre delle isole Svalbard, e quell'aurea di mistero che avvolge la song, bene si adatterebbe al tema lugubre della fortunata serie TV inglese, complice anche una produzione non proprio cristallina. Il disco però soffre e si avverte forte quel senso d'inquietudine che trasmette e la voglia di andare oltre alla terza "Mater". Quello che avverto in apertura qui è una certa sensazione di ultraterreno, accentuata dal suono delle campane, dal battito del cuore e dal respiro affannoso di una donna improvvisamente interrotto. Il sound prosegue in maniera ancor più funerea, con un break centrale creato da delle campane che sembrano suonare a lutto. Quest'interruzione funeral gioca sicuramente a favore della traccia, rendendola più varia, atmosferica e pertanto più fruibile all'ascolto rispetto alle prime due, soprattutto perchè il brano procede successivamente con un approccio più melodico e dinamico che rende meno stancante l'ascolto di un lavoro che sottolineo essere estremamente ostico. Soprattutto quando ad aspettarmi ci sono ancora gli oltre 16 minuti di "Laudanum" e le terribili grida che aprono la traccia in un'atmosfera da film horror. La song in realtà divampa in un assalto black/death apocalittico, con le solite ritmiche spigolose, i break doom e le urla aliene che caratterizzano in generale 'Eve'. Insomma un disco complesso, arcigno, complicato, un lavoro non per tutti ma solo per pochi adepti devoti. (Francesco Scarci)

(Dusktone Records - 2017)
Voto: 70

https://dusktone.bandcamp.com/album/eve

Monolithe - Nebula Septem

#PER CHI AMA: Death Doom Psichedelico, primi My Dying Bride, Samael
Abbastanza peculiare, ma c'era da aspettarselo, la scelta dei francesci Monolithe di affidare al numero sette, la conduzione del loro nuovo capitolo, 'Nebula Septem': settimo album, sette canzoni della durata spaccata di sette minuti l'una, e le prime sette lettere dell'alfabeto come iniziali dei titoli dei brani contenuti. Sette d'altro canto è un numero speciale, che ha una valenza particolare tra gli altri, anche nelle religioni: sette infatti sono le virtù ma pure i peccati capitali. Sono sette le divinità mitologiche identificate dalla Cabala ebraica, mentre secondo il Corano sette sono i cieli creati da Dio, sette le terre, sette i mari, sette gli abissi dell'inferno e sette le sue porte. Vi garantisco che potrei proseguire all'infinito. E allora concentriamoci su questo lavoro dedito ad un death doom moderno che ha ormai dimenticato i (ne)fasti funeral degli esordi. Il sestetto parigino (peccato non abbiano assoldato un settimo membro almeno per questo disco) attacca con "Anechoic Aberration", song plumbea che continuerà a piacere anche ai più estremisti fan della band, quelli rimasti ancorati al funeral degli esordi. La scorza dei nostri rimane infatti bella spessa, edulcorata se cosi si può dire, da psichedeliche linee di tastiera e da chitarre più ariose che in passato, con le convincenti growling vocals del provvisorio Sébastien Pierre, minacciose e feroci quanto basta. "Burst in the Event Horizon" si mostra ancor più persuasiva dell'opening track, di sicuro suona più pomposa a livello di arrangiamenti, evocando per certi versi il fantasma dei My Dying Bride più ancestrali, e lanciandosi in un lisergico e paranoico giro di chitarra che ci accompagnerà fino alla terza "Coil Shaped Volutions"; originali devo ammettere anche i titoli dei brani che in un qualche modo ci riportano alle visioni interstellari dei primi lavori. Torniamo a focalizzarci sulla song ma soprattutto sui giri di chitarra che si prendono la scena nei primi due minuti della traccia, viaggiando poi a braccetto con le keys e le roboanti vocals del frontman. La melodia non manca, cosi come non mancano i repentini cambi di ritmo e gli assoli da incorniciare tra le migliori cose fatte in ambito doom negli ultimi anni. Certo, l'effetto che questi suoni hanno sul mio cervello, appare molto simile a quello di una paurosa sbornia e il successivo e terribile hangover che da essa ne deriva. Il sound prosegue nel suo incedere pomposo anche in "Delta Scuti" (forse la traccia più rilevante del disco insieme alla deliziosa stravaganza darkwave/electro-pop della strumentale "Gravity Flood"), complice forse un cambio a livello vocale (compaiono qui infatti delle appena percettibili clean vocals) e per una maggior enfasi attribuita alla componente chitarristica, ineccepibile peraltro lungo tutto il lavoro. A colpire qui è soprattutto una componente elettronica più marcata che esalta ulteriormente la riuscita di un brano che ha ancora da offrire un'epica progressione che ci prenderà per mano per condurci attraverso differenti umori e sensazioni, fino alla stralunata "Engineering the Rip". La proposta dei Monolithe si fa ancora più sperimentale e spumeggiante, con la compagine francese a voler emulare i Samael, prima di rientrare nei canonici binari dell'oscura espressione doomeggiante dei nostri; l'assolo finale però è da applausi. C'è ancora tempo di godere della musicalità spiazzante dei Monolithe con "Fathom the Deep", una canzone che a livello ritmico e di atmosfere, sembra essere più distante dagli altri pezzi ascoltati sino ad ora, affidando il suo incedere a spettrali tastiere e a raffinate e sensuali chitarre. Per coerenza con il simbolismo del disco, dovrei attenermi e dare un sette come voto conclusivo, ma credo che andrò oltre, interrompendo qui la concatenazione del numero magico sette e avviandomi invece verso il futuro incombente del numero otto, universalmente riconosciuto come il numero dell'equilibrio cosmico. Sono certo che ci sarà da divertirsi, non vedo l'ora. (Francesco Scarci)

(Les Acteurs de l'Ombre Productions - 2018)
Voto: 80

https://ladlo.bandcamp.com/album/nebula-septem

sabato 20 gennaio 2018

Sunddogs - EP

#PER CHI AMA: Heavy/Alternative Rock
Conobbi Peter Calmasini nel 1995 quando si dilettava ad essere il Kirk Hammett della situazione nei veronesi Aneurysm. Sono trascorsi 23 anni, un sacco di acqua sotto i ponti, tre album passati ahimé quasi inosservati al grande pubblico, lo scioglimento degli stessi nel 2013. Peter però è un tipo che non sa stare fermo e mosso dalla sua continua voglia di suonare, ha trovato in Mirco Beltrame, drummer dei Shelter of Leech, una valida spalla con cui iniziare un nuovo progetto, i Sunddogs. La collaborazione tra i due, coadiuvato dall'ingresso in formazione di altri tre elementi, ha portato a questo primo EP omonimo di quattro pezzi. Si parte con la criptica "Falling Down", in cui i riferimenti mi conducono, grazie alla linea vocale di Giuseppe Trovato, ai System of a Down. L'aria che si respira è decadente e malinconica, testimoniata anche dal fantastico assolo che ci delizia per quasi due minuti, con saliscendi ritmici che inneggiano alla New Wave of British Heavy Metal, il retaggio musicale del buon Peter, che alle chitarre si alterna con l'altrettanto bravo Matteo Faccincani. Mica male, soprattutto per la capacità di evocarmi tempi ormai andati. "Optimistic Ballad" ha un approccio più ruvido a livello di suoni di chitarra e le vocals qui mi convincono molto meno che nella opener, fatto salvo nella parte di quello che dovrebbe essere il ritornello. Il brano pur essendo semplice e lineare, sembra mancare di una certa fluidità e alla fine non mi scalda per nulla il cuore. Già meglio "Without Compromise", che sembra riprendere, almeno inizialmente, le medesime sonorità della opening track, per poi miscelare un alternative rock di scuola inglese (penso a qualcosa dei Porcupine Tree, con la pecca di non avere un cantante all'altezza di Steven Wilson, o anche i Muse), con un sound metallico che richiama a livello ritmico i Black Sabbath. Si arriva alla chiusura affidata al basso di Francesco Consolini che apre "Just Me", un'altra song oscura, in cui a mio avviso la voce del frontman andava tenuta ad un volume più basso; il rischio di sovrastare gli altri strumenti è infatti assai elevato, meglio invece quando assume le sembianze di un sussurro nel buio. Buono come sempre il lavoro alle sei corde, tra solismi vari e parti arpeggiate. Alla fine quello dei Sunddogs è un EP che ci fa capire per sommi capi, la proposta del quintetto veronese, ancora forse troppo confusa tra l'intraprendere una strada piuttosto che un'altra. Il tutto va sicuramente affinato, migliorato nelle parti vocali e reso un po' più sofisticato a livello ritmico, più che altro se si vuole uscire dalla notorietà di confini per lo più locali. (Francesco Scarci)

(Self - 2018)
Voto: 65

http://www.sunddogs.com/

Backtrack Lane – In Fine

#PER CHI AMA: Indie Rock, Incubus
Devo ammettere che preferivo l'aria più seriosa di 'Black Truth & White Lies', il precedente album dei parigini Backtrack Lane che si ripresentano in pista con un nuovo EP supportato dalla Dooweet Agency. Le doti vocali di Stefan Gatti sono indiscutibili e riconducibili allo stile di cantanti spettacolari come Chris Cornell e Glenn Hughs, e musicalmente la band poteva essere accostata tranquillamente al suono dei più recenti Soundgarden ma in questa loro ultima fatica, i quattro transalpini hanno optato, a mio parere forzatamente, verso una linea orecchiabile e radiofonica che ricorda le cadute dei Queen of the Stone Age nella loro ostinata e non sempre riuscita ricetta/ricerca pop rock. E così, dall'iniziale ottima apertura di "Fifteen Minutes" che fa da ponte perfetto tra i due stili adottati dalla band, ci si avvia verso un frizzante rock venato di blues e pop, ma demotivato e scarico della vecchia adrenalina. Intendiamoci però, mi manca la tensione e l'aggressività di un tempo ma la qualità è tutt'ora alta anche se rivolta ad una forma più sbarazzina di energico rock che fa il verso agli Incubus più trendy quanto ai bravi Kasabian, che loda i coretti dei Blur d'un tempo, trasformado il quartetto della capitale francese in una sorta di brit pop band dalle marcate venature hard blues ("Breaking the Rules"). Il disco è buono ed ascoltabile (fate partire "Underground" e capirete), ben fatto ed equilibrato, piacevole, senza pecche e se staccato dal precedente, risulterebbe proprio un bell'album. Idee nuove ce ne sono ma difficilmente riuscirò a mandar giù quella sottile aria ironica e scanzonata che invade tutto il lavoro, infatuato come sono del loro precedente cd. Questo è il mio modesto giudizio ma ciò non toglie che l'invito ad ascoltare questa release sia sempre valido e ne vale sicuramente la pena, soprattutto a chi cerca una buona dose di energia positiva e scoppiettante in salsa rock da ascoltare lanciato in macchina, magari un sabato sera. Aggiungo inoltre, che se questo EP è un primo passo per rivendicare il nuovo sound di una band che cerca un posto al sole nella musica indie internazionale, non posso far altro che costatarne il valore, dire che è un salto nella giusta direzione e augurare a questi ragazzi che il loro sogno si realizzi. (Bob Stoner)

Last Leaf Down - Bright Wide Colder

#PER CHI AMA: Shoegaze/Alternative, Katatonia
Continua l'onda lunga proveniente dalla Svizzera, a conferma del brulicare di band che si muovono all'interno del territorio elvetico. Gli ultimi che hanno polarizzato il mio interesse (non posso certo dire gli ultimi arrivati in quanto la band è in giro ormai dal 2003) sono i Last Leaf Down, quintetto del Canton Argovia che ha catturato fin dagli esordi l'attenzione della Lifeforce Music, portando la band a rilasciare sotto l'egida della label tedesca anche questo secondo 'Bright Wide Colder'. Le coordinate su cui si muovono questi ragazzi sono quelle dell'alternative/post rock/shoegaze di scuola "katatonica", che si palesa già nella opener track, "Purple Skies", con riverberi di chitarre (ben 3!) che s'intrecciano, nel corso del brano, con la voce pulita e riflessiva del frontman Benjamin. La cadenza del pezzo è lenta (ma ciò varrà un po' per tutti i brani), a tratti sognante, sicuramente malinconica, ma questa alla fine sarà la peculiarità dell'ensemble di Beinwil. Con "Blind Mind", le influenze proveniente dagli ultimi Katatonia si fanno più importanti, soprattutto se pensiamo all'approccio vocale del comunque bravo Benjamin. La musica è ipnotica, suadente, notturna, intimista e non vede quasi mai accelerazioni che possano rompere l'architettura alquanto collaudata del combo svizzero. Tutto procede con una certa linearità di fondo, il che dimostra fondamentalmente che i pezzi funzionano, anche se quello che si può rimproverare all'act elvetico è forse una certa similitudine musicale lungo i 13 brani del disco. Francamente, avrei preferito qualche song in meno a fronte di una maggior ricercatezza sonora, ma qui stiamo facendo sicuramente i puntigliosi, visto che 'Bright Wide Colder' è comunque un buon lavoro che vede i suoi punti di forza nella parte centrale del cd. A partire dalla sesta traccia, "Cold Wind", triste ma efficace nelle sue decadenti melodie, per proseguire con "Existence", che richiama ancora Renkse e soci soprattutto nelle partiture vocali. Altra menzione va a "Suspire", probabilmente il mio pezzo preferito, criptica, tribale per quel suo poggiarsi su di una vertiginosa porzione di batteria e con quelle sue celestiali atmosfere che uniscono melodie eteree con una certa sapienza compositiva ed un ottimo songwriting. Si prosegue con "Not the Same", un pezzo che mostra a tratti un carattere più rude, pur mantenendo intatta la proposta musicale dei nostri, che si muove su pattern ritmici pur sempre emozionali. Niente male anche "Dust", con quel suo depressive rock assai convincente. Da qui in poi, il disco sembra perdere un po' di verve, ecco perché forse sarebbe stato meglio puntare su una manciata in meno di brani. Sia chiaro, non stiamo parlando di chiaviche di canzoni: se "Anything" evoca chiaramente gli Anathema, ma qui qualcosa manca a livello di fluidità del brano, le conclusive "Youth" e "Transcend" suonano forse un po' troppo ridondanti rispetto alle precedenti tracce. In definitiva, 'Bright Wide Colder' è un buon album che segna la seconda tappa per i nostri alla ricerca di una maggiore notorietà. Ben fatto, poteva essere fatto addirittura meglio, ma per questo sttenderei il terzo disco. (Francesco Scarci)

(Lifeforce Music - 2017)
Voto: 75

http://lastleafdown.ch/

Púrpura - Storm I

#PER CHI AMA: Post Metal
Progetto decisamente interessante quello del duo valenciano dei Púrpura, che pur proponendo in questo 'Storm I', un post metal, devo ammettere che questo non si rifà ai soliti nomi noti e il risultato conclusivo non può che beneficiarne. Solo cinque i pezzi a disposizione per 27 minuti, in cui comunque i nostri ne combinano di tutti i colori. Mi piace l'approccio di "Voices", traccia che apre il disco, vellutata nel suo incedere, pur risultando roboante a livello ritmico, con le vocals acide tipiche del post hardcore, a sbraitare nel microfono. Il sound è fosco, cupo, tribale, ma genera una tale goduria nell'anima che non ho fatto altro che ascoltarla e riascoltarla. Proseguo sempre più incuriosito con "Two Skies", song ancor più spinta verso le viscere della terra, se esistesse l'etichetta, direi che si tratta di una sorta di funeral post metal. Ma ancora una volta, il risultato finale è sorprendente e assai piacevole da ascoltare, cosi vario e pittoresco con quel continuo incrociarsi di un basso killer con la batteria dotata di un piglio ancestrale. Il fatto che non troppo spazio venga concesso alla voce e molto invece alle atmosfere mutevoli del brano e più in generale del disco, mi fanno godere come un riccio. Un bridge strumentale, "Disruption", e siamo ahimè già alla quarta "True God", l'ultima vera traccia dell'EP, visto l'esigua durata (2.28 minuti) della conclusiva "Remain". E analizziamola "True God": lunga apertura di basso, vera star del disco, e poi man mano inserimento di batteria e chitarra, in una song forse più lineare delle precedenti ma che comunque ha pur sempre qualcosa da dire e regalare ai sensi nel suo incedere forse un po' troppo asfissiante e marziale, ma che da metà brano in più, sarà in grado di cambiare registro e con le consuete variazioni di tema, tempo, mood, è in grado di offrire qualcosa alla fine di ricercato e personale. Bravi, però la prossima volta aggiungete almeno un altro brano altrimenti cosi godo solo a metà. (Francesco Scarci)

(Nooirax Productions - 2017)
Voto: 75

https://purpura.bandcamp.com/releases

Norse - The Divine Light Of A New Sun

#FOR FANS OF: Black Metal, Deathspell Omega, Xasthur
Few bands are able to completely capture a truly unnerving and dangerous aesthetic, let alone hold to it long enough to conjure ghastly paranoid entities twixt the snares. Norse creates such destruction in the ears of this listener that it sneakily unhinges the screams of past pains carried by the now deceased that continue to haunt the house in which I still reside.

Norse is an example of an Australian band on an entirely separate level. This down under duo explores the truly disturbing in the raw and brutal black veins of Xasthur and Benighted in Sodom with a twist that calls forth the unique dissonance experienced in Demilich's 'Nespithe'. Through fantastic production that accentuates a deep bombastic bass center, Norse employs the raunchy four-stomp Immolation rhythm in a grim and primal, at times tribal, atmosphere of disorientation. Discordant squelching guitar notes touch the timbres of your ears and tumble into the lowest parts of the register, feeling as though being hooked through the cheek and dragged to Hell by your ripping face. “Supreme Vertical Ascent” immediately contorts its elements of evil into a machinery of punishment that never lets go as grainy melody in the second riff yearns to embrace its beauteous notation, but is left displaced to dissonance. This deprivation occurs frequently through the album, as when the captivating and unusual opening to “Drowned By Hope” spaghettifies the mind in a singularity's pull to its avant-garde evacuation in the center of a fresh star.

“Telum Vitae” swims through its bass groove as though Lamb of God donned corpse paint to create black metal with hardcore chest-pounding tenacity. Through the immense build comes a theatrical take on breakdown beating while the bass rejoinder in the song's second movement creates an unmistakable measure of satisfaction to compliment its insane release of aggression. The vocals crackle through the center, bass curves upward in a hulking groan, and guitars and drums drown in a swamp of blending set to endlessly intoxicate an audience with such shameless sin.

'The Divine Light of a New Sun' flows and ebbs like a rusty swing set at an abandoned school, irradiated with malice and haunted by terror. Despite its dissonant core, this calamitous black metal assault combines well with its powerful low end to sound like a full and heady extreme metal release, as displayed in the end of the title track, the Gothenburg aesthetic opening of “Synapses Spun As Silk”, and in the proximity that “Arriving in Peace, Pregnant with War” holds to grindcore. Norse takes an approach that refuses to confine itself to one genre. Instead, the music naturally and organically mutates as it searches for the boundaries of its own intensity and technicality.

It's been a long time since I have heard such a legitimately unnerving and disturbing album, something that makes a spine quiver and adrenaline pump due to such a genuinely heinous sound that diminishes and drives its deprivation so destructively downward. It truly is a pleasure to feel such evil enter your ears and undulate under your skin, an intoxicating venom that exudes omnipotence. Norse has created quite the concoction in 'The Divine Light of a New Sun' and is sure to crush you in its immense and inescapable gravity. (Five_Nails)

mercoledì 17 gennaio 2018

Antigama - Depressant

#FOR FANS OF: Grindcore, Terrorizer, Napalm Death
Since I am working with the guys from The Pit of the Damned, I have been discovering bands that I haven't even had an idea existed. Some are good and some are bad, regardless, these new discoveries had given me the experience to expand my taste when it comes to extreme metal. Antigama, a grindcore band hailing from Warsaw, Poland, is one of the new bands that I had come across in this experience. As an extreme music enthusiast, I had also found a reason to love grindcore because of its aggressive, furious, and pounding musical assault. And Antigama is what grindcore music is all about.

After seven studio records and loads of split releases, the band had mastered the realm of the genre and had crafted numerous of killer materials since their creation way back in the year 2000. 'Depressant' is the band's third EP release, since 2012, and it was unleashed last November 9th of 2017 under the flag of Polish Selfmadegod Records. Musically, nothing on this EP is that superb in construction and execution. There is no technical guitar work present, no strenuous vocal lines found, and no intricate drum work provided. But who needs those in grindcore music anyway?

'Depressant' is just the right album for those of you who just want to go out there and start a fucking pit and have fun. The EP carries 19 minutes of pure grindcore standard quality pleasure. The guitar section in here is straight up built for a fucking destructive wall-of-noise onslaught. With its fast grinding riffs that have bits of standard death metal riffing and some mid-paced crusty Celtic Frost chugging that's catchy as fuck, these offering will fucking slay anything in its path. Now the tracks in this opus never really include too many riffs to them, as the band preferred working with 3-5 riffs instead, but the outcome of a grind material is always better this way as is shown in the result of this EP. Yeah, I am one of those who believes that riff quantity does not supersede the quality or memorability of a release.

Bass section's presence can also be easily noticed in this proposal. Sure, there is a distinct Napalm Death and Terrorizer influence in the manner of playing the bass, but Antigama took that bass line behavior to next level, as the sound is definitely way more down-tuned than in any other contemporary band in the genre these days. What the band produced here is a fuzzy wall of noise, but still, it sustains a sense of heaviness and wickedness. The drumming is also pretty satisfying to the ears. Drummer's blasts are tight and precise, and his double bass work during more mid-paced moments of the tunes, is also pretty indulging. Normally, one can get bored with the fast drum assault in grindcore, but the execution of the dude behind the kit here is quite precise. He knows his ability, and where he is good at, that he does not overdo anything which might ruin it all.

I also love the back-and-forth high-low vocal screaming and grunting of the band's vocalist. The frontman has that crude and rusty voice shrieking in the old punk fashioned way which conveys a primitive feel to the whole offering. It is the classic cherry on top of the cake, if I may describe it. The Ep's production is also splendid for a Grindcore release. It’s crisp, it’s easy to perceive, and the listeners can hear every instrument, especially the bass. Everything in 'Depressant' sounds great because of the solid production, unlike most EPs from grind bands these days, this album isn’t discordant or difficult to decipher. One can immediately distinguish each instrument and what they’re trying to do.

Concluding, Antigama had put out a fine example of a release with 'Depressant' that precisely defines what a good grindcore offering is all about. It's pretty fucking straightforward and the band did not exaggerate anything. I am really glad that I discovered the band, and I am quite excited to hear more from them in the future. If you fellas have not yet grabbed a copy of this EP, I suggest that you go and purchase a copy now. This is an excellent grindcore release that sick bastards, like me, will really enjoy. (Felix Sale)

(Selfmadegod Records - 2017)

domenica 14 gennaio 2018

The Wake - Earth’s Necropolis

#PER CHI AMA: Swedish Black, Dissection, Unanimated, Cradle of Filth
In Romania, quelli della Loud Rage Music hanno un certo fiuto nell'assoldare le band. Dopo i Kultika, ma prima ancora Grieving Mirth e Bereft of Light, tanto per fare qualche nome, ecco arrivare il duo rumeno/teutonico dei The Wake, da non confondere con gli omonimi finlandesi di inizi anni 2000. I nostri, sotto gli pseudonimi V e XII, ci guarniscono le orecchie con il debut 'Earth’s Necropolis' e la loro miscela di black melodico che vede nell'incipit strumentale "Proem" un buon punto di partenza per fornire fuorvianti indicazioni dal sapore dark doom sulla proposta musicale della band. Quello che posso sottolineare è un approccio musicale che guarda alla scena black scandinava come punto di riferimento. Questo diviene però palese solo nella seconda "Isolated Illusion", song dotata di un sound tagliente e melodico quanto basta per scendere a facili paragoni con bestiacce quali Unanimated e Dissection. Buono l'apparato ritmico, sempre ben bilanciato tra glaciali sfuriate black e squarci pregni di melodia che smorzano la violenza intrinseca nelle note di questi due musicisti. I brani sono diretti, secchi e brevi: "Lost Painting" dura tre intensi minuti, una tempesta il cui elemento portante, oltre allo screaming belluino del vocalist, è sicuramente il basso. Si corre sui binari di un tumultuoso post black con "Cadavers", una traccia che nei momenti più oscuri e ritmati, ha un che dei Cradle of Filth nelle sue corde. Si procede spediti e si arriva alla più criptica "Ship Of Hope" che vede il featuring al microfono di Joshua Kabe Ashworth dei christian metallers americani Society's Finest. "The Painter Of Voices" è un altro pezzo convincente che ammicca alla scena svedese, mentre le successive ed arrembanti "Earth's Necropolis" e "Trial Against Humanity" vedono altre due partecipazioni eccellenti: Michael Pilat, ex dei The Ocean nella prima e Costin Chioreanu dei Bloodway nella seconda a dare il loro prezioso contributo. In definitiva, 'Earth’s Necropolis', pur non inventando nulla di nuovo, si propone come un disco interessante per gli amanti di sonorità abrasive ma melodiche in ambito estremo. Concluderei, elogiando la lugubre cover del disco a cura di Travis Smith che in passato ha prestato i suoi servigi a gente del calibro di King Diamond, Death, Opeth, Devin Townsend e Katatonia, giusto per citarne alcuni. (Francesco Scarci)

(Loud Rage Music - 2017)
Voto: 70

Kultika - Pursuance

#PER CHI AMA: Post Metal/Progressive, The Ocean, Riverside
Ecco una band che ho amato sin dal loro esordio, i rumeni Kultika. Accasatisi presso la Loud Rage Music, il quintetto di Timisoara rilascia un nuovo EP di due pezzi, intitolato 'Pursuance', come apripista ad un nuovo album schedulato per questo 2018. Un bel modo comunque per dire al mondo che la band è presente, è in forma e ha voglia di stupire. "Do You Want To See The Splendor" è la prima song, suadente, rilassata e atmosferica che per più di otto minuti ha modo di offrire le proprie melodie di pianoforte prima e di chitarra poi, attraverso un riffing convinto, riflessivo ed intimista, ed un intreccio vocale tra clean vocals, voci femminili e un growling davvero notevole. I punti di riferimento guardano ai teutonici The Ocean (anche come impianto vocale) soprattutto per quell'alternanza vocale che si muove lungo le ispiratissime linee di chitarra che trovano ancora modo di corazzarsi, gonfiarsi e spingere verso una cavalcata finale quasi al limite del post black, salvata tuttavia da orchestrazioni da brivido. Una song quasi da 10 e lode. Passo ahimè alla seconda e ultima "Unburden Me", un pezzo in acustico che mostra tutta l'eleganza di cui i Kultika sono dotati, complici una splendida voce maschile e delle atmosfere sognanti e raffinate che lasciano intuire una possibile svolta dei nostri verso lidi progressivi che ammiccano a Porcupine Tree e Riverside. I miei complimenti... (Francesco Scarci)

(Loud Rage Music - 2017)
Voto: 80

sabato 13 gennaio 2018

Stass - The Darkside

#FOR FANS OF: Swedish Death Metal/Doom
Stass is a death metal quintet at the helm of Crematory's Felix Stass and Paganizer's Rogga Johansson. For fans of both Crematory and Paganizer, you guys have already a clue of what Stass' music is all about. Indeed, it is pretty much a fusion of the traditional Swedish melodic death metal and gothic metal with a soft touch of doom elements.

Those who dig the Gothenburg sound and Scandinavian approach extreme metal, will find the band's debut full-length album 'The Darkside' enjoyable. In fact, even enthusiasts of a more doom-laden music and gothic flavored extreme metal music will take a lot of pleasure on this album. However, I personally deemed this record mundane and lacking of a heavy punch. But my judgment on this offering does not mean that the whole record is not worthy to listen to.

Tracks like "Warriors Land", “Crawling from Ashes” and “The Final Disease” are foot tapping and catchy into the ears of the listeners, though it has some pretty bland characters. The warmongering spark of the guitar riffs that are accompanied by hasty and pitiless means of the tenacious drum work, brings forth a very bellicose manner to the mentioned songs. That evident blend between modern death metal and the presence of the raw essence of the genre during the early to mid-90s, can be found on the songs that I had indicated above. Perhaps, if the rest of the tunes in this offering had the same characteristics with "Warriors Land", “Crawling from Ashes”, and “The Final Disease”; the album would have been an entirely solid offering.

“Angel of Doom”, like the three songs I had uttered, is also an upside on this full-length. Its very sludgy and gloomy segments give a very nasty and hostile undercurrent to the song. The haunting mood of this one brings to mind a very similar sound that is found in the music of Candlemass and Paradise Lost. And though that unilluminated ambiance topped the whole nature of the track, its Swedish death metal feel can still be felt strongly throughout its whole playing time.

Outside the four catchy songs I mentioned, the rest of the tracks in the album are boring and to some extent frustrating due to the lack of savagery and atrociousness that a band labeled as death metal should have. I have the highest respect for both Felix and Rogga, as these two had accomplished numerous excellent recordings with their respective bands in the past, but what they had produced with Stass is just not that memorable and convincing enough to make 'The Darkside' a worthy album that should stay in every metalheads' collection shelves in a long time.

Overall, Stass had come up with a prosaic record with their debut 'The Darkside'. Yes, there are a few decent songs in this release but the rest of the tracks are nothing but a bunch of uninteresting and forgettable materials. But I am not giving up on this band yet. For all one knows, these guys might pull something off good in the future that'll make Stass a more interesting band to keep on my radar. After all, it's Felix and Rogga that we are talking about here. (Felix Sale)

(Mighty Music - 2017)
Score: 60

Kaunis Kuolematon - Vapaus

#PER CHI AMA: Death Doom, Insomnium, Black Sun Aeon
Dall'infinita distesa di lande finlandesi, ecco sbucare i Kaunis Kuolematon, con il loro secondo Lp, 'Vapaus', arrivato a distanza di tre dal fortunato debut, 'Kylmä Kaunis Maailma'. Ci troviamo al cospetto di un quintetto che abbraccia membri ed ex di Sinamore, Routasielu ed End of Aeon, tanto per citare qualche nome, non certo degli sprovveduti pertanto, bravi qui a proporre un bell'esempio di death doom cantato in lingua madre. E 'Vapaus' alla fine, affianca e sorpassa la performance del debutto dei nostri grazie ad una prova carismatica, tipica delle band finniche. I ragazzi di Hamina impressionano lungo i nove brani di questo lavoro, mostrando energia, passione e devozione per un sound che passa in rassegna altre grandi realtà locali, e penso ad Insomnium e Swallow the Sun, non dimenticando le lezioni passate di Amorphis e Black Sun Aeon. E allora dopo la suggestiva intro (che vede peraltro proporre le parole del poeta finlandese Eino Leino), ecco immergermi nel granitico ma assai melodico sound di "Eloton", pezzo assai compatto che vede la presenza di una gentil donzella a smussare le possenti growling vocals del bravo Olli. Il disco prosegue con la più dinamica "Hurskas", massiccia a livello ritmico, quanto assai fresca in termini melodici. Uno splendido break spagnoleggiante le conferisce poi quella marcia in più per prendere le distanze dai maestri e per coltivare una proposta tutta propria, dando largo respiro alle chitarre e a delle melodie che salgono d'intensità e aprono alla più drammatica "Yksin" e ad un'altra chitarra acustica da brividi. Proprio in questo, i cinque musicisti finnici cercano il cambio di marcia rispetto ad altre band che propongono questo genere: una voce pulita, opera di Mikko ed un lento e inesorabile giro di chitarre che richiamano gli Amorphis di 'Elegy', sebbene il rifferama sia qui decisamente più compassato. Poi ecco tuonare "Tuhottu Elämä" (song da cui è stato anche estratto un video), dove maggiore spazio viene concesso alle brillanti clean vocals di Mikko. Quello che continua a convincere è quell'alternanza tra atmosfere più pesanti e tirate a momenti più rilassati ed onirici, proprio come accade verso metà brano che preannuncia un finale da urlo, avvolto in una spirale di affascinanti melodie. Con "Ikuinen Ikävä" si ritorna a suoni più canonici per il genere, ma la traccia si conferma comunque dotata di un certo spessore e di una velata vena cibernetica, pur rimanendo ammantata di una spessa coltre nostalgica. "Ikaros" ripropone l'alternanza vocale tra i due frontman su di un tappeto ritmico costantemente in bilico tra death e doom, proposti però in chiave emozionale. Siamo ormai sul finire, ma c'è ancora tempo per la splendida "Arvet", che ammiccando ai Throes of Dawn, mette in luce ancora una volta le capacità canore del bravo Mikko. A chiudere, ci pensa la più melliflua e darkeggiante "Sanat Jotka Jäivät Sanomatta", ultimo atto di un signor album che merita assolutamente tutta la vostra attenzione. (Francesco Scarci)

(Haminian Sounds - 2017)
Voto: 80

Abhordium - Omega Prayer

#PER CHI AMA: Black/Death, Belphegor, Behemoth
La Finlandia non è solo patria di band dal suono ricercato, folk, prog o power avanguardistico, è anche il luogo d'origine di mostri sacri quali Impaled Nazarene, Horna, Behexen e Azaghal, tutta gente che sa di certo come far male. A quest'ultimo stuolo di band black/death si aggiungono anche gli Abhordium, band che arriva con questo 'Omega Prayer', al traguardo del secondo Lp, proponendo un concentrato sinistro di blackened death metal. Nove i pezzi a disposizione del quintetto di Salo per mostrare i muscoli e la malignità che contorna i pezzi qui inclusi. Si apre con la ritmica frenetica di "The Chronology of Decadence" che sembra individuare nel techno death, la sfera in cui la compagine finnica si muove. In realtà, nell'apocalittico sound perpetrato dai nostri, ci sento un che degli ultimi Immortal unito a un death tiratissimo e brutale che si confermerà anche nelle successive "Channeled be My Hate" e "Asebeia", due brani diretti, killer e brutali, che non lasciano scampo. Si continua a pestare sul pedale e il canovaccio non sembra cambiare nemmeno con "Obsidian Chamber" e "Perpetual Desertification", altri due esempi di come si possa suonare veloci, ferali e assassini, proponendo un death metal che in un qualche modo sembra comunque contaminato dalle melodie glaciali del black svedese, quello dei Setherial e dei Dissection per intenderci, o di gente come Behemoth o Belphegor. Insomma, credo che sia piuttosto semplice da inquadrare la proposta del tutto genuina dei cinque musicisti finlandesi che tuttavia hanno qualche cartuccia in canna da sparare: proprio in quest'ultima citata "Perpetual Desertification", song più compassata delle precedenti, il tiro cambia e va rallentando, colpendo il bersaglio peraltro con dei chorus quasi dal sapore liturgico/esoterico che frizzano il mio giudizio conclusivo sull'album, spingendomi ad una più approfondita analisi del disco, e riponendo per qualche minuto nel cassetto, i miei giudizi su un lavoro che fin qui era risultato troppo monocorde. E di fatti, le sorprese sono dietro l'angolo anche con la marziale "At the Highest Temple" che contribuisce a rendere ancor più interessante il cd, che troppo velocemente e ingiustamente, avevo bollato come semplicemente death metal. Spettacolare infatti la traccia, cosi atmosferica nel suo incedere spettrale e orrorifico. Si torna a mietere vittime con un approccio più death oriented, all'insegna di blast-beat belluini con "Dreary Touch of the Void" e "From the Depths I Slithered", sebbene le vocals si muovano invece in territori più devoti allo screaming del black. Peccato che le sperimentazioni si siano già perse, torneranno però nell'ultima title track che ci informa che gli Abhordium hanno tutte le carte in regola per poter offrire qualcosa di originale e che spesso soffermarsi in superficie è quanto di più sbagliato ci sia al mondo. (Francesco Scarci)

(Self - 2017)
Voto: 70